Vai a sottomenu e altri contenuti

Cambio di Residenza

Dal 9 maggio 2012 sono in vigore le nuove norme sul ''cambio di residenza in tempo reale''
L'art. 5 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35, introduce nuove disposizioni in materia anagrafica, riguardanti le modalità con le quali effettuare le dichiarazioni anagrafiche di cui all'art. 13, comma 1, letto a), b) e c) del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223 (ISCRIZIONE ANAGRAFICA CON PROVENIENZA DA ALTRO COMUNE E DALL'ESTERO, CAMBIO DI ABITAZIONE ALL'INTERNO DEL COMUNE, EMIGRAZIONE ALL'ESTERO), nonché il procedimento di registrazione e di controllo successivo delle dichiarazioni rese. Peraltro, va da subito precisato che le disposizioni del decreto-legge acquistano efficacia dal 9 maggio 2012 (art. 5, C. 6).
Le novità introdotte dai commi 1 e 2 dell'art. 5 riguardano la possibilità di effettuare le dichiarazioni anagrafiche di cui all'art. 13, C. 1, lett. a), b) e c) del regolamento anagrafico, attraverso la compilazione di moduli conformi a quelli pubblicati sul sito internet del Ministero dell'interno, che sarà possibile inoltrare al comune competente con le modalità di cui all'art. 38 del D.P.R. n. 445/2000 (*).
Ciò posto, ai sensi della richiamata disposizione del D.P.R. n. 445/2000 e dell'art. 65 del Codice dell'amministrazione digitale (CAD), di cui al d.lgs. n. 82/2005, che definisce le modalità di inoltro telematica delle istanze.

I cittadini potranno presentare le dichiarazioni anagrafiche nei seguenti modi:
1. direttamente all'ufficio anagrafe (negli orari di apertura al pubblico)
2. per raccomandata, indirizzata a: Comune di Onifai - Ufficio Anagrafe, via Municipio, 17 08020 Onifai (Nu)
3. per via telematica (all'e-mail anagrafe@comune.onifai.nu.it o tramite PEC all'indirizzo anagrafe.comuneonifai@pec.it ).
Quest'ultima possibilità (per via telematica) è consentita ad una delle seguenti condizioni:
1. che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
2. che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante;
3. che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d'identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice.
Alla consegna della dichiarazione deve essere presentato in visione il contratto di affitto o il rogito e deve essere allegata copia del documento d'identità e copia del codice fiscale del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza unitamente al richiedente che, se maggiorenni, devono sottoscrivere il modulo.

Il cittadino proveniente da uno Stato estero, ai fini della registrazione in anagrafe del rapporto di parentela con altri componenti della famiglia, deve allegare la relativa documentazione, in regola con le disposizioni in materia di traduzione e legalizzazione dei documenti.

PROSIEGUO DELL'ITER:
A seguito della dichiarazione resa, l'Ufficio Anagrafe procederà immediatamente, e comunque entro i 2 (DUE) giorni lavorativi successivi, a registrare le conseguenti variazioni, con decorrenza dalla data di presentazione delle dichiarazioni medesimi. TUTTAVIA provvederà altresì ad accertare la sussistenza dei requisiti previsti per l'iscrizione (o la registrazione) stessa e se, trascorsi 45 giorni dalla dichiarazione resa o inviata senza che sia stata effettuata la comunicazione dei requisiti mancanti, l'iscrizione (o la registrazione) si intende confermata.

Requisiti

I requisiti fondamentali per ottenere la residenza sono la dimora abituale, ovvero la effettiva presenza del soggetto all'indirizzo dichiarato e la volontà di permanere nel territorio per un periodo sufficientemente prolungato nel tempo.

Costi

Il cambio di residenza non comporta nessuna spesa a carico del cittadino.

Normativa

  • Legge 24/12/1954, numero 1228
  • Decreto del Presidente della Repubblica 30/05/1989, numero 223
  • Decreto del Presidente della Repubblica 19/04/1994, numero 575
  • Decreto del Presidente della Repubblica 16/09/1996, numero 610
  • Decreto del Presidente della Repubblica 31/08/1999, numero 394
  • Art. 5 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35

Documenti da presentare


Il cittadino di Stato non appartenente all'Unione Europea deve allegare la documentazione indicata nell'allegato A).
Il cittadino di Stato appartenente all'Unione Europea deve allegare la documentazione indicata nell'allegato B).

Inoltre occorre esibire i seguenti documenti:

  • carta d'identità o altro documento di riconoscimento in corso di validità;
  • codice fiscale;
  • patente di guida (se posseduta);
  • targhe dei veicoli posseduti (auto, motocicli, ciclomotori, rimorchi ecc.). Non devono essere indicate le targhe degli autobus, dei veicoli destinati al trasporto di cose di massa complessiva superiore a 6 tonnellate o a servizio di taxi o di noleggio con conducente. Per tali veicoli occorre rivolgersi all'Ufficio Provinciale della Motorizzazione.

Se cittadini extra-comunitari (oltre alla documentazione sopra descritta):

  • fotocopia permesso di soggiorno in corso di validità (o della ricevuta rilasciata dalla Questura competente di avvenuta presentazione di richiesta di rinnovo dello stesso) e fotocopia del passaporto;
  • documenti del Paese d'origine, tradotti in italiano, e legalizzati dalla Prefettura (es: atto di matrimonio, atto di nascita completo di tutte le generalità, dichiarazione Stato Civile rilasciato dal Consolato o dall'Ambasciata), in caso di inserimento/aggiornamento dei dati dello Stato Civile.

I documenti sopra elencati devono essere presentati per tutti i componenti della famiglia (se posseduti) che chiedono l'iscrizione anagrafica.

Termini per la presentazione

Il termine per adempiere è di 20 giorni dalla data di trasferimento.

Incaricato

Ufficiale d'Anagrafe

Tempi interni

45 giorni

Tempi complessivi

Immediato

Note

L'ufficio anagrafe comunica:
- che provvederà alla segnalazione alle autorità di pubblica sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti, come previsto dalla legge;
- che si provvederà, inoltre, alla segnalazione delle dichiarazioni non corrispondenti al vero all'Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale, per gli opportuni controlli e approfondimenti, avendo il Comune aderito alla convenzione per la collaborazione nell'attività di accertamento, recupero e contrasto all'evasione.

Ricordiamo infine che chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge.

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
DICHIARAZIONE DI RESIDENZA Formato doc 103 kb
DICHIARAZIONE DI TRASFERIMENTO ALL'ESTERO Formato pdf 110 kb
ALLEGATO A Formato pdf 75 kb
ALLEGATO B Formato pdf 151 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto